News

Una bella scoperta in Biblioteca

Paolo Veneto fu una delle personalità di maggior spicco nella cultura italiana del secolo XV e uno dei logici più acuti e interessanti dell’intero Medioevo, e il suo colossale commento alla Metafisica di Aristotele è lavoro fondamentale.

Rendiamo le biblioteche Plastic Free!

Cari amici, oggi è la Giornata mondiale dell'ambiente, e il piano di rilancio europeo post coronavirus intende avere questo tra i suoi temi principali. Speriamo sia la volta buona!

Evento Facebook: Valentina Petri, Portami il diario

Mercoledì 27 maggio alle ore 18.00 sulla pagina Facebook in collaborazione con Rizzoli presentiamo il romanzo di Valentina Petri Portami il diario, Rizzoli, 2020.

         Visualizza tutte le News
Pavia e dintorni

Pavia è situata sul fiume Ticino, a nord dalla confluenza nel Po, a 35 km a sud di Milano.
La fondazione della città si deve ai Romani, a cui si deve anche la pianta della città, rimasta intatta fino ad oggi, a castrum romano; la città aveva il nome di Ticinum.
La provincia di Pavia può essere suddivisa in tre zone: Pavese, Lomellina e Oltrepò. Il Pavese segue a nord ovest i corsi del Ticino e del Po, è un'area ricca di armonia e fattori storici, ambientali e turistici. La Lomellina è compresa tra il Po e il Sesia, con lo "sguardo" verso il Piemonte, un tempo terreno sabbioso, il paesaggio offre ora orizzonti aperti, specchi d'acqua e filari di pioppi al limite delle risaie. L'Oltrepò Pavese è la terra delle vigne, delle dolci colline e delle tante cantine.

La città di Pavia è situata lungo la Via Francigena, (nominata per la prima volta nell´876 d.C.), conosciuta come la lunga via che parte da Canterbury e giunge fino a Roma (tomba di San Pietro).

Nel XII secolo la città divenne libero comune, durante le opposte delegazioni dei Guelfi e Ghibellini, la città supportò il Barbarossa contro la Lega Lombarda e Milano.
Durante il Medioevo la città perse di importanza dal punto di vista politico e fu infine annessa dal 1360 al Ducato di Milano, sotto il dominio della famiglia Visconti; nel 1361 fu istituita l'Università di Pavia che vide tra i suoi studenti giovani provenienti da tutta Europa.
Nel Cinquecento, famosa è la battaglia di Pavia, tra i Francesi e gli Imperiali, vinta da questi ultimi, perché il capitano di ventura forlivese Cesare Hercolani, ferendo il cavallo del re Francesco I di Francia, ne permise la cattura, meritandosi il soprannome di vincitore di Pavia e la gratitudine dell'imperatore Carlo V d'Asburgo. Dall'inizio del XVIII secolo fino alla metà del XIX secolo la città fu sotto la dominazione straniera, alternata, di spagnoli, francesi e austriaci. Divenne nel 1859 parte del Regno di Sardegna (futuro Regno d'Italia) insieme al resto della Lombardia.